Attività consiliare

La mia attività di consigliere a novembre

Mi pare doveroso informare i cittadini su quella che è stata la mia attività da consigliere comunale a novembre.
Ho presentato 2 interrogazioni consiliari, per chiedere: 1) Sulla salvaguardia delle mura antiche di Palermo: se esiste una ricognizione delle mura antiche di Palermo e per quale motivo siano tutte in uno stato di degrado pressoché totale, nonostante Palermo sia inserita nel patrimonio Unesco, proprio grazie alla sua storia; 2) Che fine hanno fatto i soldi dei dipendenti della Polizia Municipale e relativi al Fondo Efficienza Servizi, svariati milioni di Euro, che il Comune di Palermo non ha ancora versato ai lavoratori.
Sulla mia email ho ricevuto parecchie segnalazioni di cittadini, che ho inviato come segnalazioni “tecniche” alle aree competenti. Segnalazioni che vanno dalla segnalazioni per la rimozione di rifiuti anche pericolosi, altre relative alla sicurezza stradale ed alla sicurezza dei pedoni, solo per fare qualche esempio. Una in particolare ha riguardato il crollo di un pezzo del muro di cinta della Palazzina cinese, che è stata anche ripresa da alcune testate giornalistiche cartacee e online. Crollo sul quale, dopo la nostra segnalazione, è intervenuta subito la soprintendenza. Segnalazioni che seguiremo fino a quando non avremo delle risposte.
Sto continuando a seguire con particolare attenzione la vicenda della tassa di soggiorno, per la quale non ho avuto ancora alcuna risposta da parte dell’amministrazione comunale. Ancora, come dicevo sopra, sto seguendo anche la vicenda del fondo di produttività (Fondo Efficienza servizi) relativi alla Polizia Municipale che fino ad un certo anno sono stati pagati con regolarità e poi non più.
In commissione consiliare, sono in VI Commissione , siamo stati in visita alla VI circoscrizione dove abbiamo affrontato il problema del mercatino non regolamentato del CEP, che provoca molti problemi nella zona, anche di viabilità, oltre che di sporcizia. Tutto questo è collegato con la mancanza di un regolamento unico dei mercati a Palermo di cui la mia commissione si dovrebbe occupare a breve. Ancora nella VI circoscrizione abbiamo ravvisato grossi problemi relativi alle attività produttive della zona di Viale Strasburgo. Ancora, in commissione, abbiamo ascoltato il vice dirigente della Polizia Municipale, il Dottore Galatioto, per il problema del Fondo Efficienza della Polizia Municipale e richiesto di audire in merito anche il Capo di Gabinetto del Comune, il Dottore Pollicita, e la Ragioneria; abbiamo fatto due incontri concernenti il piano farmacie, per il quale ci sono alcune incongruenze ed alcuni ritardi che stanno rendendo la faccenda complessa. Di tutte queste attività ho fatto post su facebook, e ho informato gli attivisti del Movimento 5 Stelle.
Infine abbiamo avuto una seduta in esterna presso il SUAP, dove abbiamo incontrato anche il Vicesindaco, l’assessore Marino e l’Assessore Riolo per quanto concerne il complesso problema del Piano Pubblicità. Su questo voglio soffermarmi per spiegarvi la vicenda, che è ancora in pieno approfondimento da parte mia. Nel 2015, dopo ben 15 anni di attesa, il comune di Palermo si è dotato di un regolamento per la pubblicità. Si tratta di un introito medio di oltre 6 milioni di euro per il comune, business che però è praticamente una giungla. Infatti dopo l’approvazione del regolamento del 2015 si è costituito l’ufficio piano pubblicità, che avrebbe dovuto elaborare il vero e proprio piano sulla pubblicità. Avrebbe dovuto localizzare gli impianti, suddivisi in 81 lotti cittadini, e predisporre i bandi di gara per l’assegnazione degli spazi stessi. Questo avrebbe permesso di ottimizzare gli introiti, si potrebbero ottenere introiti maggiori, regolamentare gli impianti e contrastare l’abusivismo diffuso. Si trattava di un piano che prevedeva 60.000 metri quadrati di pubblicità di cui 12.000 affidati al comune, 34.000 privati, 7.000 per impianti arredo urbano e 6.000 per bus e tram. Il piano che però venne proposto fu restituito al mittente perché non ritenuto soddisfacente dalla Commissione consiliare e poi anche dal Consiglio comunale. Tra Le carenze segnalate in questo piano c’era proprio l’esatta geolocalizzazione dei nuovi impianti. Ad aggravare la situazione c’è che il Comune di Palermo attualmente non sa neanche bene quali sono gli impianti regolari che si trovano all’interno del Comune di Palermo, molti dei quali nel frattempo sono diventati vecchi o potrebbero non essere più perfettamente in regola anche con il codice della strada. Questa giungla nel passato ha portato ad anni di contenziosi, spesso persi dal Comune. E soldi pubblici persi, pagati dai cittadini.
La sesta commissione, di cui faccio parte, ha svolto alcuni incontri sul problema Piano traffico, che non può prescindere dall’ art. 23 del cds e dal suo regolamento di attuazione. Articolo che regolamenta proprio le caratteristiche della pubblicità su strada.
Come Movimento 5 Stelle stiamo premendo affinché il piano pubblicità torni in aula, si facciano gli opportuni emendamenti e correzioni, e si proceda ad un bando di gara che interessi tutti gli 81 Lotti. Tutto questo per regolare una situazione ormai divenuta vergognosa, evitare che spuntino come funghi deturpando la città, che non siano pericolosi per la circolazione stradale e il nucleo vigilanza sulla pubblicità della polizia municipale sia agevolata nella lotta contro gli abusivi.
A fine mese, insieme al portavoce regionale riconfermato Giampiero Trizzino, ho incontrato i lavoratori licenziati della KSM, per portare solidarietà a questi uomini in divisa che sono diventati vittime del lavoro. Abbiamo chiesto per loro una audizione nelle commissioni antimafia, tanto quella regionale che quella nazionale. Guarda qui le interviste a me e Giampiero Trizzino.
Nel mio tempo libero, cioè mai, ho scritto un post gentilmente ospitato su Rosalio sul malessere di Letizia Battaglia che ha scritto ad Orlando in merito all’inferno di un pronto soccorso medio palermitano. Leggi l’articolo qui.
Da due mesi ho una rubrica su radio action che parla di sicurezza e che si chiama “Palermo città sicura?”. E poi tutte le mie attività sono caricate su questo blog. Potete seguirmi anche sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/gelardaigor/ 
Ho attivato, infine, una mail rivolta alla cittadinanza per permettere segnalazioni e contatti diretti con me igor.gelardam5s@gmail.com e sulla quale vi chiedo di inviarmi tutte le vostre segnalazioni.
Questo è quello che ho fatto questo mese, con l’idea che sono stato eletto per fare opposizione a questo sistema ed all’attuale sindaco, il Prof. Orlando, per il quale nutro stima personale, ma che reputo politicamente inadatto per questa città. Io il mio #fiatosulcolloapalermo lo sto mettendo. Inutile dirvi che la collaborazione con tutto il gruppo consiliare del Movimento è continua e fondamentale! Grazie a voi per il sostegno.

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: